Aggregatori di notizie: nuova informazione o nuova illegalità?

This page as PDF

15 settembre, 2010 da  

The rise of the news aggregator: legal implications and best practices. Il white paper realizzato da Kimberly Isbell del citizen Media Law Project analizza il controverso fenomeno dell’aggregazione dei contenuti

Content aggregation, o aggregazione dei contenuti. Attorno a questa pratica si è costruita la fortuna di molti fornitori di informazione: si individuano le notizie, gli articoli più interessanti rispetto a un certo argomento e li si presentano in una forma diversa dall’originale coerente con il proprio target di lettori. Sono i criteri che costituiscono le fondamenta delle attività di blogger e social media.

Attorno a questo fenomeno è in corso un ampio dibattito fomentato, in particolare, dalle organizzazioni editoriali che producono l’informazione primaria. La disquisizione verte, naturalmente, sulla legalità o meno di questo approccio. Kimberly Isbell del citizen Media Law Project ha prodotto un white paper – The rise of the news aggregator: legal implications and best practices – che analizza lo stato attuale della legislazione che regola le attività inerenti la pratica dell’aggregazione.

Come ricorda il Nieman Lab, che ne riporta una sintesi, nel corso dell’ultimo decennio, Internet è diventata una tra le fonti di informazione più utilizzata. Secondo uno studio prodotto dal Pew Internet and American Life Project, a gennaio 2010, emerge che circa il 60% degli americani fanno uso quotidiano di servizi online che propongono notizie di carattere giornalistico-informativo. E alla crescente dipendenza da Internet è corrisposto il declino dei profitti dei media tradizionali, la chiusura di redazioni. Per alcuni osservatori la contemporaneità dei due fenomeni non lascia dubbi: Internet mette in pericolo, o quanto meno danneggia, il mercato dell’informazione.

Aggregatori di notizie come Google News e Huffington Post sono accusati di fare affari sulla pelle delle media companies tradizionali: la legalità del business model di questo signori e la monetizzazione del contenuto prodotto da terze parti non è una pura questione accademica, ma economica, sostiene Rupert Murdoch, strenuo difensore del copyright.

L’analisi proposta dal Isbell, sebbene focalizzata sul mercato USA e associata alla contraddittoria legislazione americana, presenta una interessante profilazione della tipoloiga dei soggetti che operano a livello di news aggrgator ed è esportabile in qualsia altro contesto geografico: una riflessione documentata per comprendere la dinamica di questi nuovi operatori e i contrasti che esistono nei confronti delle fonti di informazione primaria.

La considerazione finale è che nel momento attuale, in cui si assiste a una grande trasformazione del giornalismo, sarebbe prematuro e altamente controproducente, tendere a privilegiare un modello di business così come individuare regole che ne istituzionalizzino la forma. Nuovi modelli di business possono essere definiti attraverso regole che permettano di promuovere flessibilità e libero accesso all’informazione e non sistemi chiusi che servopno a proteggere gli incumbent.

Giornalista professionista, scrittore, traduttore. Si occupa da oltre vent’anni del mercato dell’Information & Communication Technology, Internet e New Media. E’ collaboratore dell’Osservatorio Europeo di Giornalismo per il quale ha realizzato whitepaper, analisi e ricerche sul mercato dell’editoria riguardo alle implicazioni del web e del business digitale nonché articoli e servizi di attualità sul mercato dell’informazione.

Facebook Twitter 

This page as PDF