La crisi dei giornali locali

20 aprile 2011 • Digitale, Economia dei media, Editoria • by

Nei primi due mesi del 2011 gli investimenti pubblicitari relativi alla carta stampata sono diminuiti del 7,4% rispetto allo stesso periodo del 2010. Diminuzione che non viene certo compensata dal positivo risultato di internet che, nel suo complesso, aumenta del 15,5%. Quest’ultimo dato, in valore assoluto, rappresenta una dimensione di gran lunga minoritaria rispetto al gettito determinato dai media tradizionali, ed è estremamente modesto se rapportato al valore associato alle edizioni online dei quotidiani. Se giornali nazionali come Corriere della Sera, Repubblica e La Stampa iniziano in qualche modo a vedere premiata la propria presenza su internet, il giornalismo locale versa in gravi condizioni poiché alla crisi strutturale del settore, perdite copie lettori e calo ricavi pubblicitari, non si accompagna una sostenibilità delle iniziative su web, nonostante  siano in prevalenza gestite con il minimo di risorse possibili.

Il settore dell’informazione locale è in crisi: nessuno ha il coraggio di avviare una effettiva ristrutturazione che comporti il ripensamento degli investimenti e una maggiore focalizzazione sul web. E qualora un qualche editore illuminato fosse disposto a rischiare è bene tenere presente che a oggi non esistono le condizioni per avere un pubblico  che possa attrarre ricavi pubblicitari tali da rendere sostenibili le nuove iniziative preservando i livelli retributivi del giornalismo tradizionale. Occorrerebbe azzerare il pregresso e ripensare l’intera organizzazione editoriale sin dalle sue fondamenta. Una condizione che crea una paralisi in termini di possibile risoluzione del conflitto offline-online. E’ il caso del Gazzettino, storico quotidiano del Nord Est fondato nel 1887 e oggi di proprietà del Gruppo Caltagiorne.

A causa della crisi, la dirigenza del quotidiano del Nord Est ha ipotizzato di chiudere due delle otto redazioni locali, quelle di Vicenza e di Bassano del Grappa per poi attuare una serie di contrazioni sulle retribuzioni dei collaboratori impiegati nelle diverse province venete. Secondo quanto riportato dall’Agenzia Parlamentare il quotidiano è a rischio chiusura e si chiede un intervento da parte dello Stato per salvaguardare e mantenere livelli occupazionali e di retribuzione adeguati.

Per quanto la Fieg affermi che i lettori online costituiscano ormai il 45,4% dell’utenza totale dei quotidiani, questa dinamica non trova un corrispettivo economico in grado di monetizzare la presenza su web. Il dato positivo, secondo Carlo Malinconico, presidente di Fieg, è che, nonostante le persistenti difficoltà, i margini operativi dei principali gruppi editoriali, grazie a incisivi processi di ristrutturazione e riorganizzazione produttivi, sono tornati positivi.

Incalza Beppe Grillo il quale afferma, in modo provocatorio, che il futuro dell’informazione è l’online, ma non per i giornali. “I giornali sono in asfissia economica, dice Grillo. Senza la carità pubblica e la pubblicità di società impresentabili, e irricevibili da un giornalismo indipendente, la maggior parte sarebbe fallita. L’edizione online dei giornali è sostanzialmente in passivo, ed è in gran parte un copia e incolla di quella cartacea….”.

Considerazioni di Grillo a parte, resta il fatto che appare sempre meno convincente la capacità di resistenza alla trasformazione del mercato da parte delle testate locali. Per quanto si continui a sostenere che il web possa essere valorizzato dai giornali in funzione di una maggiore focalizzazione in localizzazione e iperlocalizzazione delle notizie, i dati evidenziano un forte ritardo dei giornali tradizionali nel perseguire questa opportunità. Invocare l’aiuto dello Stato, come nel caso del Gazzettino, non può essere la soluzione al problema.

Print Friendly

Tags:, , , , , , , , , , ,

Condividi con un amico