Il giornalismo fragile: gli ultimi 52 giorni delle politiche 2006

17 giugno 2008 • Giornalismi • by

Comunicazione Politica, Vol. IX, Nr. 1, 2008
di Giovanni Zavaritt

Nel corso delle fasi decisive della campagna per le elezioni politiche del 2006, l’informazione politica italiana è risultata permanere in una condizione di fragilità strutturale. Una condizione di subordine rispetto al sistema politico che si estende oltre i confini noti della lottizzazione del Servizio radiotelevisivo pubblico e del conflitto di interessi in seno a Mediaset: anche la stampa scritta ha dato segno di notevole dipendenza e faziosità nei confronti dei due candidati premier.

Attraverso un’analisi del contenuto del Corriere della Sera e del Sole 24Ore, nel corso degli ultimi 52 giorni di competizione elettorale, si evincono infatti elementi che suggeriscono – soprattutto per quanto riguarda il quotidiano di via Solferino – l’immagine di un giornalismo passivo e vittima del collateralismo, attraversato in modo significativo da dinamiche di spettacolarizzazione e bloccato nella possibilità di determinare autonomamente la tematizzazione della propria agenda.
Print Friendly, PDF & Email

Condividi con un amico