Internazionale: Da Roma a Berlino via Vienna, viaggio nella cronaca delle elezioni europee 2004

21 ottobre 2008 • Giornalismi • by

RESEARCH

Esiste un giornalismo nazionale distinguibile non solo per lingua ma, come teorizza Furio Colombo, anche per tradizione, cultura, tecniche e modi di lavoro. La lettura dei principali quotidiani austriaci, tedeschi e italiani sul tema delle elezioni europee del 2004 ha dato la misura dell’approccio e della strategia giornalistica dei rispettivi Paesi.

Lo scopo della ricerca è stato quello di indagare sulla centralità dell’evento a livello europeo utilizzando il criterio qualitativo che ha permesso di soffermarsi sull’analisi e sul confronto dei diversi approcci, impostazioni editoriali e distinte strategie giornalistiche dei quotidiani d’interesse.
In altre parole non si è solo voluto conoscere ed analizzare il punto di vista internazionale sulle vicende europee, ma anche cosa si pensa all’estero dei fatti di casa nostra.

La rassegna si è dedicata ai quotidiani social-liberali, in Italia La Repubblica, in Austria Der Standard e in Germania Die Süddeutsche Zeitung, a quelli di espressione del centro destra  IlGiornale e Die Welt, a quello austriaco che, tradizionalmente, è attestato al centro, Salzburger Nachrichten, e infine alle con le testate più autorevoli, Il Corriere della Sera, Die Presse e Frankfurter Allgemeine Zeitung.

Al fine dello studio i  quotidiani dunque sono stati divisi per nazionalità, evidenziando, nell’ambito dello stesso Paese, i diversi modi di proporre la lettura dei comuni temi connessi alle elezioni europee.
In particolare la molteplicità degli articoli austriaci ha dimostrato un monitoraggio del percorso e delle tappe dell’Europa, con uno scrutare attento dei fenomeni sociali e politici, soprattutto dell’Italia, le cui vicende passano anche sotto la lente dei giornali tedeschi, tradizionalmente inclini ad un narrare rivolto ad una platea internazionale, al contrario dei più provinciali italici quotidiani.
La contemporaneità degli europei di calcio in Portogallo ha poi aggiunto colore e suggestione alla competizione elettorale: le testate soprattutto straniere hanno pubblicato frequentemente vignette calcistiche unendo così due campi apparentemente distanti.
Print Friendly, PDF & Email

Condividi con un amico