Perchè non rendere coerente il blog all’informazione del giornale?

2 novembre 2009 • Giornalismo sui Media • by

Osservatorio europeo di giornalismo, 02.11.2009

Il coinvolgimento dei lettori è uno dei punti di forza dell’informazione online. Una volta esistevano soltanto le lettere al direttore, oggi si possono commentare molti degli articoli proposti su web. E il numero di commenti esprime spesso l’interesse suscitato dall’articolo, anche se non necessariamente corrisponde a quello più letto. Su Corriere.it la notizia più letta oggi risulta essere La fuga dell’amante e il marito tradito mentre quello più commentato (276 post) è di politica interna, Berlusconi: dialogo se il PD cambia.

Nella dinamica partecipativa gli editori hanno per lo più scelto di mantenere una separazione tra contenuti e blog. Sia la Repubblica che il Corriere della Sera riservano ai blog uno spazio a sé, multitematico, una sorta di rubrica esterna all’informazione principale. Ma non sarebbe più interessante cercare di rendere organico il blog al contenuto stesso del giornale, invece che mantenerlo in una dimensione separata? Strutturare la discussione del blog per amplificare ulteriormente le notizie pubblicate?

I blog più commentati nei quotidiani sono quelli proposti dai giornalisti più noti, Vittorio Zucconi per la Repubblica, Beppe Severgnini per il Corriere anche se quest’ultimo mantiene la formula della lettera al direttore. Un tentativo di differenziare il blog associandolo a una informazione più coerente con i contenuti proposti in home page, quanto meno in riferimento ad alcuni autori,  è quello proposto dal Giornale , ma anche in questo caso, pur con un’affinità di fondo, quanto pubblicato via blog non viene  linkato direttamente dai singoli articoli proposti in prima pagina.

In definitiva i giornali preferiscono che i lettori commentino la notizia suggerita dall’articolo, ma sono meno disponibili a far sì che sia un’opinione ad alimentare la discussione, come accade nello stile blog e, soprattutto, sono molto attenti a non portare i propri lettori fuori dal proprio perimetro editoriale.

Print Friendly, PDF & Email

Tags:, , , , , , , ,

Condividi con un amico