OSCE: seriamente a rischio la libertà di stampa in Serbia e nella regione

21 novembre 2012 • Libertà di stampa • by

Secondo quanto affermato dall’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa ( OSCE ) nessun progresso è stato fatto per la libertà dei media in Serbia. Mentre nel paese sale  il dibattito sul coinvolgimento del governo nei media, il ministro serbo della cultura e dell’informazione dichiara che l’emittente di servizio pubblico avrà bisogno di denaro dal bilancio federale.

Una  conferenza stampa regionale a Belgrado, indetta dalla OSCE , ha rappresentato  l’occasione ideale per discutere apertamente del futuro dei media in Serbia e  mettere a confronto sfide analoghe per quanto riguarda la libertà di stampa in tutto il paese.

La coincidenza è stata anche utilizzata come occasione per il governo di rivelare i propri piani di finanziamento dei media – in particolare per l’emittente del servizio pubblico. Alla sua prima visita ufficiale a Belgrado, la rappresentante OSCE per la libertà dei media, Dunja Mijatovic , ha parlato ai giornalisti e rappresentanti del governo, organizzazioni non governative e gli organismi di controllo, al fine di raccogliere informazioni dettagliate sugli ostacoli alla libertà dei media nella regione.

Come anticipato, ha ricevuto rassicurazioni che la libertà dei mezzi d’informazione è fondamentale per la società serba e che lo Stato avrebbe rinunciato alla proprietà dei mezzi di comunicazione, secondo la Media Strategy (un documento prodotto dal Ministero della Cultura e dell’Informazione e le associazioni dei giornalisti, in collaborazione con esperti dell’Unione europea).

Tuttavia, in realtà, sembra che la realizzazione di queste intenzioni governative potrà richiedere del tempo.

D’altro canto il ministro della cultura, Bratislav Petkovic , ha detto al pubblico che l’attuale governo ha ereditato una situazione “disastrosa” per cui l’emittente di servizio pubblico è in crisi e la proprietà statale dei mezzi di comunicazione è ancora controversa.

Tuttavia, verso la fine dell’incontro, Petkovic ha detto che la questione del finanziamento del servizio pubblico radiotelevisivo sarà risolta entro la primavera del 2013 e che è probabile che i soldi saranno stanziati dal bilancio federale.  Anche se la revisione della strategia mediatica è stata una delle proposte chiave della conferenza, il ministro è andato un passo oltre e, alla richiesta se fossero vere le voci che i membri del gabinetto del presidente serbo stiano preparando una strategia mediatica a porte chiuse, ha affermato che non è stato un gruppo informale a discutere la questione, ma che è stata discussa con i “consulenti sui media che assistono il presidente “.

Il Presidente della Associazione Giornalisti Indipendenti “della Serbia (SUORE), Vukasin Obradovic, è stato critico verso l’atteggiamento del governo, sottolineando in particolare “il fatto scandaloso che alcune persone nel gabinetto del presidente stanno preparando la strategia mediatica senza informare nessuno”.

Le leggi inutilizzate

Mijatovic ha sottolineato che la Serbia e gli altri paesi della regione hanno leggi sui media che sono generalmente buone, il problema è che non vengono attuate. Sandra Basic Hrvatin, esperta di mezzi di comunicazione della Slovenia, ha anche sottolineato che non sono le  leggi stesse a costituire il problema, ma la loro esecuzione, e che la Slovenia è “ostaggio di interessi privati e paralizzata dalla corruzione”.

Allo stesso modo, in Bosnia-Erzegovina ci sono tre emittenti di servizio pubblico, che difendono interessi particolari influenzati dalle strategie politiche dei diversi soggetti. Quando si è parlato di libertà di stampa, Mijatovic non è stato  ottimista, descrivendo la regione come stagnante. Ha insistito sul fatto che “i giornalisti dovrebbero fare pressione sui loro governi” e agire insieme per spingere per il progresso. A suo avviso, i problemi principali sono l’inadeguato funzionamento di organismi di regolamentazione indipendenti, la crisi finanziaria del servizio pubblico radiotelevisivo, che ha diminuito la sua indipendenza, e il fatto che il giornalismo investigativo si è quasi estinto. Un’ altra questione è l’esistenza del monopolio nel panorama dei media, che è direttamente collegato alla mancanza di trasparenza nella proprietà.

Capo della delegazione dell’Unione europea in Serbia , Vincent Deger, concorda sul fatto che la proprietà statale dei mezzi di comunicazione sia una delle questioni principali che minacciano la sua libertà. Egli ha sottolineato che le  emittenti regionali di servizio pubblico sarebbero del tutto insostenibili, in quanto a malapena funzionanti. Egli ha anche osservato che la pressione politica sui media non è più così evidente, quanto  le pressioni economiche.

Ardian Adifaj, un analista dei media del Kosovo che ha anche partecipato alla conferenza, ha spiegato che un quadro giuridico è stato formulato dopo che l’Onu è entrato in Kosovo, ma che il governo del Kosovo ha la capacità di manipolare, nonostante ufficialmente non abbia il controllo diretto sui media.

Esperti nazionali ed i rappresentanti delle associazioni giornalistiche erano molto pessimisti sullo scenario mediatico della Serbia . La Presidentessa dell’Associazione dei giornalisti della Serbia ‘(UNS), Ljiljana Smajlovic, ha detto, “il più filo-occidentale dei governi che la Serbia abbia mai avuto ha istituito il più stretto controllo sui media” e, continuando,  “una volta completato il lavoro governativo, si contavano meno voci alternative e un minor numero di media indipendenti  che non durante il regime di Slobodan Milosevic.”

Tradotto dall’articolo originale apparso sul sito serbo EJO “Posustali na putu ka slobodi

Print Friendly

Tags:, , ,

Condividi con un amico