Triste addio o nuova era? I media europei riflettono sul “Brexit Day”

3 Marzo 2020 • In evidenza, Media e Politica • by

Guardian e Daily Mail il 31/01

I media di tutta Europa hanno utilizzato il “Brexit Day” – il 31 gennaio, giorno in cui il Regno Unito ha ufficialmente cessato di far parte dell’Unione Europea – per fare un bilancio di ciò che la dipartita della Gran Bretagna ha significato per il proprio paese e per il resto dell’UE. Si è parlato molto delle incertezze che ancora permangono e di quanto dipenderà dall’accordo commerciale che dovrà essere concluso prima della fine del periodo di transizione, il 31 dicembre 2020.

L’umore della stampa europea è stato in generale di tristezza, anche se alcuni commentatori hanno assunto un atteggiamento un po’ più positivo, suggerendo che l’esperienza della Brexit ha offerto l’opportunità di apprendere alcune importanti lezioni che potrebbero essere utili all’Europa nel lungo periodo. Ci sono stati anche alcuni barlumi di umorismo, soprattutto nella tedesca Frankfurter Allgemeine Zeitung (FAZ), che ha messo in evidenza alcune delle cose più tipicamente britanniche che probabilmente mancheranno agli Europei.

I sette partner dell’EJO che hanno partecipato a questo sondaggio hanno esaminato una serie di giornali e siti web di notizie (ove possibile, con diversi allineamenti politici) e hanno analizzato i loro contenuti relativi a Brexit in due giorni: il 31 gennaio e l’1 febbraio. Nel testo che segue sono riportati alcuni link a siti web di notizie e a versioni online di articoli di giornale. I lettori devono tenere presente che le versioni stampate e quelle online degli articoli di giornale hanno spesso titoli diversi e che le versioni stampate degli articoli spesso non appaiono fino al giorno successivo nella versione online.

Regno Unito Flag: United Kingdom on Mozilla Firefox OS 2.5
Il modo in cui il caso Brexit ha diviso la società britannica in gruppi opposti è stato perfettamente catturato dalle prime pagine di due giornali, il Guardian e il Daily Mail, il 31 gennaio scorso. Entrambe le prime pagine riportavano l’illustrazione delle bianche scogliere di Dover, spesso viste come una guardia simbolica contro le invasioni dall’Europa continentale. Tuttavia, questa immagine iconica è stata trattata in modo molto diverso da ciascun giornale.

Il Guardian, di sinistra, che si è opposto a Brexit fin dall’inizio, ha contrapposto un’immagine sfocata delle scogliere con il titolo apologetico “Small island” (“Piccola isola”, ndr), descrivendo la partenza della Gran Bretagna dall’UE come “la più grande scommessa di una generazione”, e con una bandiera solitaria della Union Jack piantata sulla spiaggia. Il tabloid di destra Daily Mail, che ha invece condotto una lunga campagna a favore di Brexit, ha portato l’audace titolo “A New Dawn For Britain” (“Una nuova alba per la Britannia”, ndr), su un’immagine delle scogliere a fuoco e con i colori della Union Jack che occupa la maggior parte del cielo.

Il quotidiano conservatore Daily Telegraph, che come il Daily Mail è stato sempre a favore di Brexit, ha optato per una prima pagina meno fantasiosa e meno accattivante. Il suo titolo consisteva in una citazione del discorso del primo ministro Boris Johnson “Brexit Day”, “Questa non è la fine, ma l’inizio”, illustrato da una foto dello stesso Johnson. Tutti e tre i giornali avevano un’ampia copertura nelle loro pagine interne. Il tono della copertura del Guardian era per lo più rassegnato ed elegiaco, mentre quello del Telegraph e del Daily Mail era ottimista e talvolta trionfalista (per esempio, si prendano i pezzi di commento nel Telegraph del leader del partito di Brexit, Nigel Farage, e nel Daily Mail del controverso editorialista di destra Richard Littlejohn).

Il 1° febbraio tutti e tre i giornali hanno continuato a trattare la questione più o meno come il giorno precedente. Il Guardian ha portato in prima pagina un editoriale del giornalista Jonathan Freedland sotto il titolo “Il giorno in cui ci siamo salutati”. Questa edizione del giornale comprendeva anche un supplemento speciale gratuito composto da “27 lettere dall’Europa” – affettuose note d’addio di personaggi culturali di tutta l’Unione Europea. Il Telegraph ha offerto anche uno speciale supplemento, in questo caso intitolato “Brexit: che altro?”. La maggior parte degli articoli ha concluso che la Gran Bretagna può guardare ad un futuro roseo al di fuori dell’UE.

Il Daily Mail ha scelto di concentrarsi sui festeggiamenti giubilanti dei sostenitori di Leave in occasione del “Brexit Day”. La prima pagina riportava il titolo “ZERO HOUR / Downing St il conto alla rovescia mostra il momento in cui abbiamo lasciato l’UE per sempre”. All’interno del giornale, la “storia completa” della partenza della Gran Bretagna, raccontata in otto pagine.

Italia Flag: Italy on Mozilla Firefox OS 2.5
Il quotidiano La Repubblica, che ha sede a Roma, con una posizione moderatamente a sinistra, ha avuto un’ampia copertura di Brexit in entrambe le giornate. L’offerta del giornale comprendeva sia guide pratiche passo dopo passo su ciò che accadrà in seguito, sia opinioni che illustravano l’impatto psicologico dell’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea. La Repubblica ha anche assunto una prospettiva più “europea” con la traduzione di articoli pubblicati dai media partner in altri Paesi, nonché interviste a personalità politiche britanniche come il Primo Ministro scozzese Nicola Sturgeon e l’ex Primo Ministro britannico Tony Blair.

Il centrista milanese Corriere della Sera ha offerto ai suoi lettori sia informazioni pratiche (per lo più il 31 gennaio) sia articoli di opinione (per lo più il 1° febbraio). Il Corriere ha riassunto il corso degli eventi che hanno portato alla partenza ufficiale del Regno Unito dall’Unione Europea e, allo stesso tempo, ha realizzato interviste sia a politici e scrittori coinvolti nel processo, sia a italiani residenti nel Regno Unito. I commentatori hanno cercato di collocare gli eventi recenti in una prospettiva storica, invocando persino la descrizione dell’isola dei Britannici da parte del poeta romano Virgilio come “tagliata fuori dal resto del mondo”.

Il commento del Corriere della Sera, di Nuccio Ordine

Per un altro giornale di Milano, il quotidiano di destraIl Giornale (che fa parte dell’impero mediatico di Silvio Berlusconi), Brexit è sceso in basso nell’ordine del giorno, anche se l’argomento è stato comunque menzionato in entrambi i giorni. La copertura è stata suddivisa tra il modo in cui l’occasione è stata segnata a Londra – con articoli sui raduni della Leave del 31 gennaio e il video messaggio di Boris Johnson alla nazione – e l’analisi dell’impatto potenziale sull’Italia. Ad esempio, il Giornale ha intervistato Raffaele Trombetta, ambasciatore italiano nel Regno Unito, e Antonio Martino, ex ministro degli Esteri dell’epoca Berlusconi.

Germania Flag: Germany on Facebook 4.0
I due principali quotidiani tedeschi, la Süddeutsche Zeitung (SZ; centro-sinistra) di Monaco di Baviera e la Frankfurter Allgemeine Zeitung (FAZ; conservatrice), hanno riferito ampiamente sul “Brexit Day”, dando risalto all’evento sulle loro prime pagine e sulle pagine “argomento del giorno”, nonché nelle sezioni di politica ed economia dei giornali. Tra i due, la FAZ ha dato all’evento la copertura più completa. La maggior parte degli articoli si è concentrata sui futuri rapporti commerciali tra il Regno Unito e la Germania e l’Unione Europea nel suo complesso. La Süddeutsche Zeitung ha scritto il 31 gennaio: “anche se il Regno Unito ha più da perdere in termini economici rispetto all’Unione Europea, una hard Brexit causerebbe anche un bel po’ di problemi a molti Stati membri”.

Sebbene la paura di una “Hard Brexit” fosse un tema ricorrente, la FAZ ha fornito anche un forum per le voci che vedono la Brexit non solo come una perdita, ma anche come un potenziale guadagno. La Germania potrebbe “aver perso un partner importante”, ma se a seguito di Brexit il Regno Unito deregolamenta e adotta un sistema di tassazione più semplice, “l’UE dovrebbe vederla come un’opportunità” in quanto “un’eccessiva regolamentazione comunitaria” dovrebbe essere frenata affinché il blocco sia competitivo, ha sostenuto un commentatore.

Due pagine di FAZ

Il tabloid tedesco BILD era troppo preoccupato dalle ultime notizie sulla diffusione del Coronavirus per prestare molta attenzione a Brexit. Il 31 gennaio, un breve articolo intitolato “Brexit, ora per davvero” ha esaminato i cambiamenti che porterà. Il giorno successivo, un articolo ancora più breve riportava che Brexit è “ora ufficiale”. SZ e FAZ, invece, hanno sottolineato che il vero lavoro – il raggiungimento di un accordo commerciale – è solo all’inizio. In entrambi i giornali, l’umore prevalente è stato quello del dolore per la partenza del Regno Unito.

Pochissimi articoli hanno affrontato il tema del futuro dell’Unione Europea. Un’eccezione è stato un articolo apparso su Süddeutsche Zeitung del 1° febbraio, in cui l’autore ha sottolineato che l’Unione europea non dovrebbe guardare a Brexit come a un semplice “spettacolo britannico”, ma dovrebbe prestare attenzione ai suoi problemi e alle sue divisioni. Oltre a tutti i discorsi sulle difficoltà e le incertezze, una parte della copertura è stata pensata anche per suscitare un sorriso ironico. Nella sua sezione dedicata alla cultura, FAZ ha pubblicato un pezzo intitolato “Bye bye love” (in inglese), in cui elencava alcuni dei fenomeni tipicamente britannici che d’ora in poi mancheranno all'”European Club”: i panini al cetriolo, la “English Week” di Aldi, le sitcom della BBC – e il senso dell’umorismo britannico.

Portogallo Flag: Portugal on Apple iOS 13.3

La prima pagina di Publico, il 31/01

L’analisi dell’EJO sulla copertura di Brexit nella stampa portoghese si basa sul modo in cui l’argomento è stato trattato dai tre principali quotidiani nazionali di stampa: Público, Correio da Manhã (entrambi pubblicati a Lisbona) e Jornal de Notícias (pubblicato a Porto). (Il più antico quotidiano nazionale portoghese sopravvissuto, il Diario de Notícias, è passato alla produzione giornaliera online nel 2018, con un’edizione settimanale a stampa il sabato).

Nessuno di questi giornali ha una chiara fedeltà politica. Il Público è più internazionale di Correio da Manhã e Jornal de Notícias. Il Jornal de Notícias si rivolge maggiormente ai lettori del nord del paese.  Público ha coperto il numero più ampiamente: Brexit ha dominato le prime pagine sia il 31 gennaio che il 1° febbraio. All’interno, ha dedicato circa 20 pagine al numero in entrambe le giornate, coprendo un’ampia gamma di temi. Tra i principali aspetti trattati vi sono stati l’impatto economico, le potenziali ripercussioni per i portoghesi residenti nel Regno Unito e la maggiore possibilità di indipendenza scozzese e la riunificazione dell’Irlanda.

Jornal de Notícias ha messo Brexit in prima pagina in entrambe le giornate, anche se non è stata la storia principale. Ogni giorno ha dedicato due pagine alla questione, e si è concentrato principalmente sul probabile impatto per i portoghesi, soprattutto per quelli che vivono nel Regno Unito. Il 1° febbraio ha toccato anche i temi scozzesi e irlandesi. E lo stesso giorno, la storia principale del supplemento finanziario del giornale è stata l’impatto economico di Brexit.

Correio da Manhã non ha trattato l’argomento in prima pagina in nessuno dei due giorni, anche se ha avuto alcuni articoli su di esso nelle pagine interne. Questi si concentravano principalmente sulle implicazioni per i portoghesi residenti nel Regno Unito, anche se il 1° febbraio ha riportato un rapporto su come il Brexit Day è stato segnato a Londra.

Repubblica Ceca Flag: Czechia on Apple iOS 13.3
Nei media cechi, il Brexit Day ha fornito una breve distrazione dal Coronavirus, argomento che ha poi dominato l’agenda delle notizie. L’uscita del Regno Unito dall’UE non ha ricevuto la stessa copertura del risultato scioccante del referendum di Brexit del 2016, ma ha comunque avuto un ruolo di primo piano nella maggior parte dei media. Diversi giornali hanno riportato sulle loro prime pagine immagini di scene di festa a Londra; il tabloid Blesk ha pubblicato sul suo sito web una galleria di oltre 100 immagini di questo tipo.

Le prime pagine dei giornali cechi

Come nel caso del referendum, il tono della copertura è stato nel complesso negativo, con molte testate che hanno espresso preoccupazione per il probabile impatto di Brexit nel Regno Unito, nella Repubblica Ceca e nel resto dell’UE. Tuttavia, diversi media hanno colpito una nota un po’ più positiva citando il discorso del Brexit Day di Boris Johnson alla nazione, in particolare le parole: “Questa non è una fine, ma un inizio”. I giornali cechi si sono concentrati soprattutto sull’informazione dei lettori sui dettagli dell’accordo tra il Regno Unito e l’UE, sottolineando spesso che la partenza del Regno Unito non sarà completa fino alla fine del periodo di transizione, il 31 dicembre. Si sono inoltre soffermati sulla situazione dei cittadini cechi residenti nel Regno Unito e sulle future relazioni commerciali tra la Repubblica Ceca e il Regno Unito.

Il quotidiano di centro-destra Lidove Noviny ha paragonato l’allontanamento del Regno Unito dall’UE alla divisione della Cecoslovacchia nel 1992. Il documento ha rilevato che entrambi gli eventi hanno posto fine ad un periodo di battibecchi, ma che la Repubblica Ceca e la Repubblica Slovacca alla fine si sono riunite di nuovo quando entrambe hanno aderito all’UE.

Polonia Flag: Poland on Apple iOS 13.3
La squadra polacca dell’EJO ha dato un’occhiata alla copertura di Brexit di tre giornali: il Gazeta Wyborcza di centro-sinistra , il Rzeczpospolita di destra e il tabloid Fakt. Sia Gazeta Wyborcza che Rzeczpospolita hanno ampiamente trattato l’argomento, soprattutto il 31 gennaio, quando entrambe hanno dedicato a Brexit le prime pagine delle loro edizioni cartacee.  La prima pagina di Gazeta Wyborcza presentava un editoriale del caporedattore Adam Michnik intitolato “Brexit – una lezione per la Polonia“.  L’articolo di opinione in prima pagina di Rzeczpospolita è intitolato “Europa abbandonata“. Entrambi gli articoli hanno un’opinione negativa di Brexit per quanto riguarda il suo probabile impatto sulla Polonia e sull’Europa nel suo complesso.

Gazeta Wyborcza il 31/01

Oltre alla copertura della prima pagina, entrambi i giornali di venerdì hanno dedicato le cinque pagine successive agli articoli relativi a Brexit. Gazeta Wyborcza lo ha descritto come “l’argomento del giorno”, mentre Rzeczpospolita ha dato a diverse pagine interne un’intestazione speciale di Brexit composta dalle bandiere britanniche e dell’UE. Il 31 gennaio, entrambi i giornali hanno descritto gli eventi che hanno segnato l’occasione a Bruxelles e nel Regno Unito e hanno fornito ai loro lettori un background e un contesto (un resoconto delle relazioni del Regno Unito con l’UE e una cronologia della Brexit a partire dal 2016). Gazeta Wyborcza si è concentrata un po’ più sull’aspetto politico, mentre Rzeczpospolita si è concentrata principalmente sulle conseguenze economiche.

Il 1° febbraio, entrambi i giornali hanno portato più pezzi di opinione. Gazeta Wyborcza ha avuto commenti dello storico britannico Timothy Garton Ash, mentre Rzeczpospolita ha pubblicato articoli del Taoiseach irlandese Leo Varadkar e del ministro degli Esteri britannico Dominic Raab. Gazeta Wyborcza ha anche avuto un’intervista con l’ex primo ministro britannico Tony Blair. Fakt ha prestato un po’ meno attenzione a Brexit. Il 31 gennaio ha pubblicato un solo articolo (a p.5) che descriveva le potenziali ricadute di Brexit per i cittadini polacchi, con il titolo “Brexit vi farà del male?”. Il 1° febbraio ha rilasciato un’intervista al ministro dell’Agricoltura polacco con il titolo “Gli agricoltori polacchi subiranno dopo Brexit” (sempre a pag. 5, anche se a pag. 1 è apparso un teaser).

Ucraina Flag: Ukraine on Apple iOS 13.3
Diversi media ucraini hanno parlato del Brexit Day sia il 31 gennaio sia il 1° febbraio, ma per la maggior parte non è stata la notizia principale. Sono stati selezionati tre siti web di notizie per un’analisi più dettagliata. Il moderatamente a sinistra LB.ua e il moderatamente a destra DT.ua – entrambi tra le fonti di notizie più attendibili in Ucraina – hanno trattato la questione in modo approfondito, concentrandosi sulle implicazioni della partenza del Regno Unito dall’UE. La più popolare fakty.ua si è limitata ad alcune notizie relative a Brexit.

L’angolo principale che ha dominato la copertura di tutti i mezzi di informazione è stato il probabile impatto di Brexit sul Regno Unito; il futuro dell’UE ha ricevuto meno attenzione. Un articolo di DT.ua era in generale piuttosto ottimista riguardo alle possibili ripercussioni politiche. Ha menzionato le forti divergenze di opinione all’interno del Regno Unito sull’emissione e ha prestato attenzione agli aspetti politici ed economici, ma ha anche evidenziato elementi simbolici come l’orologio del conto alla rovescia proiettato su Downing Street e la nuova moneta da 50p. La copertura di LB.ua è stata più neutrale e si è concentrata sulle implicazioni politiche ed economiche per il Regno Unito.

Anche l’impatto di Brexit sulle relazioni tra l’Ucraina e il Regno Unito ha ricevuto una buona attenzione, in particolare le implicazioni per gli accordi sui visti tra i due Paesi. Un articolo su LB.ua ha anche evidenziato alcune implicazioni meno evidenti per l’Ucraina. Ad esempio, ha menzionato la possibilità di nuovi accordi commerciali tra l’Ucraina e il Regno Unito, che, a suo dire, potrebbero andare a vantaggio del settore agricolo ucraino, che al momento deve rispettare le norme UE molto rigide attualmente in vigore.

Il progetto

“Triste addio o nuova era? I media europei riflettono sul ‘Brexit Day'”è parte di un progetto continuativo di comparazione giornalistica, realizzato dall’European Journalism Observatory.

Metodologia

L’analisi è stata condotta da sette univeristà e centri di ricerca in altrettanti paesi europei. Gli autori hanno analizzato i contenuti relativi alla Brexit di tre testate nei giorni 31/01 e 01/02 2020.

EJO network

Coordinamento del progetto

Paula Kennedy, editor of EJO English, Reuters Institute for the Study of Journalism, University of Oxford

Collaboratori

Sandra Štefaniková, Charles University, Prague, EJO Czech Republic

Tina Bettels-Schwabbauer, Erich-Brost-Institut, TU Dortmund, EJO Germany

Philip Di Salvo and Antonio Nucci, Universita della Svizzera italiana (USI), Lugano, EJO Italy

Michal Kuś and Adam Szynol, Wrocław University, EJO Poland

Ana-Pinto Martinho, University Institute of Lisbon, EJO Portugal

Halyna Budivska, National University of “Kyiv-Mohyla Academy”, Kiev, EJO Ukraine

Traduzione dall’originale inglese a cura di Simone Broggini

Print Friendly, PDF & Email

Tags:, , ,

Condividi con un amico