I media europei prendono abbastanza sul serio il cambiamento climatico?

18 Febbraio 2020 • Giornalismi, In evidenza • by

La devastante stagione di incendi in Australia alla fine del 2019 a chiuso un anno di eventi metereologici estremi in tutto il mondo. Queste notizie hanno spinto vari media a rivedere la loro copertura del cambiamento climatico. (Photo by robdownunder / Source: Flickr / Licenced under CC BY-NC-ND 2.0)

Nonostante il cambiamento climatico sia ormai regolarmente riconosciuto dai media di tutto il mondo come “la storia che definisce la nostra epoca”, una nuova indagine dell’European Journalism Observatory ha rilevato che molti media europei non hanno ancora formulato una politica editoriale chiaramente definita sulla questione. In particolare, le emittenti di servizio pubblico (PSB) sono spesso riluttanti ad assumere una posizione di campagna, insistendo invece sul fatto che la loro politica in materia di informazione sul cambiamento climatico non è diversa dalla loro politica editoriale su qualsiasi altro argomento.

Molti sostengono che gli stessi criteri editoriali fondamentali – come l’imparzialità, l’obiettività e l’interesse pubblico – si applicano allo stesso modo a tutti gli argomenti trattati, e che il cambiamento climatico non è trattato in modo diverso da altri temi. Le testate più innovative, invece, sono da tempo all’avanguardia nell’affrontare l’argomento e nella maggior parte dei casi hanno una politica editoriale chiaramente articolata in materia.

Tuttavia, il 2019 sembra aver segnato una svolta nell’approccio di diversi media all’argomento. L’Europa ha vissuto l’anno più caldo di sempre, e l’incessante accumularsi di eventi meteorologici estremi in tutto il mondo ha fatto sì che la questione del cambiamento climatico si spostasse costantemente in cima all’agenda delle notizie. Per l’European Journalism Observatory (EJO), questo è stato il momento opportuno per fare il punto su come i media europei coprono il cambiamento climatico.

Sei membri dell’EJO (Repubblica Ceca, Germania, Italia, Polonia, Ucraina e Regno Unito) hanno partecipato a uno studio che ha analizzato come i diversi tipi di media – nella maggior parte dei casi, un’emittente di servizio pubblico, un’emittente tradizionale e un notiziario online – coprono la questione. È emerso un modello generale di maggiore riconoscimento della gravità del cambiamento climatico e dell’importanza di garantire che il pubblico sia pienamente informato delle implicazioni di tale fenomeno. Tuttavia, questo modello non è sempre coerente in tutto il continente e tra i diversi tipi di media.

Covering Climate Now
Un metro di valutazione utilizzato per dare un’indicazione approssimativa del grado di importanza attribuita all’argomento è stato il fatto che le testate giornalistiche intervistate abbiano aderito o meno all’iniziativa Covering Climate Now (CCN), lanciata nella primavera del 2019 dalla Columbia Journalism Review e da The Nation. L’obiettivo del progetto CCN è quello di aumentare sia la quantità che la qualità della copertura sul cambiamento climatico e quindi di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema. A novembre 2019, più di 350 agenzie di stampa di tutto il mondo hanno aderito all’iniziativa, impegnandosi a rendere il tema del clima un elemento di routine nella copertura quotidiana delle notizie.

Il quotidiano britannico The Guardian – che per alcuni anni ha trattato il cambiamento climatico come un’area di copertura prioritaria – è stato rapidamente coinvolto nel progetto CCN come lead media partner. Diverse testate giornalistiche di altri paesi intervistati nell’ambito dello studio EJO sono anch’essi media partner. Tra i paesi che abbiamo intervistato, l’unico PSB ad aver aderito finora all’iniziativa CCN è la RAI italiana. Ma nonostante l’apparente riluttanza dei PSB in generale ad adottare un’etica di campagna – e quindi a compromettere la loro reputazione di imparzialità – la maggior parte di essi è chiaramente consapevole della responsabilità di informare il proprio pubblico sull’entità della sfida posta dal cambiamento climatico.

 

L’iniziativa Covering Climate Now (CCN)

I PBS sono anche consapevoli della sfida posta dal cambiamento dei modelli di consumo delle notizie. Mentre il pubblico più anziano in Europa si affida ancora alla TV come principale fonte di informazione, le emittenti di servizio pubblico fanno sempre più fatica a trattenere il pubblico più giovane, e con questo in mente stanno compiendo maggiori sforzi per affrontare le questioni che riguardano più urgentemente le giovani generazioni.

Studi precedenti come “Something Old, Something New: Digital Media and the Coverage of Climate Change” (2015) di James Painter hanno rivelato che le emittenti digitali – il cui target di riferimento tende ad essere significativamente più giovane rispetto al pubblico dei media tradizionali – hanno impiegato una gamma molto più ampia di nuovi stili, formati e toni di reportage rispetto ai media più consolidati nell’affrontare l’argomento del clima. L’indagine dell’EJO suggerisce che, mentre i media più recenti possono essere all’avanguardia nella ricerca di angoli fantasiosi e nel coinvolgimento del loro pubblico attraverso i social media, molti media tradizionali hanno imparato dai loro rivali più giovani e cercano sempre più spesso un’ampia gamma di prospettive e si affidano agli strumenti digitali per raccontare le loro storie.

Differenze Est-Ovest
Nella copertura del cambiamento climatico da parte dei media europei emerge un certo divario Est-Ovest. Ciò può riflettere il fatto che i paesi dell’Europa centro-orientale, come la Repubblica Ceca e la Polonia, sono ancora fortemente dipendenti dai combustibili fossili per il loro fabbisogno energetico. Molti cechi e polacchi ritengono che le loro economie risentiranno in modo sproporzionato del passaggio a fonti di energia più verdi, il che potrebbe spiegare perché i media conservatori in entrambi i paesi sono riluttanti a inquadrare il cambiamento climatico come un’emergenza.

Per i media dei paesi europei al di fuori dell’UE, c’è una percezione netta del fatto che gran parte del pubblico è troppo preoccupato per le sfide della vita quotidiana per potersi preoccupare dell’ambiente. Un giornalista del sito web di notizie ucraino Ukrainska Pravda Zhyttia ha detto all’EJO che per molti dei suoi lettori la lotta per mettere il cibo in tavola ha fatto sì che il cambiamento climatico non fosse una delle loro preoccupazioni più pressanti.

Italia 🇮🇹
In Italia, il principale canale televisivo di informazione dell’emittente pubblica Rai più due radio, Radio 1 e 3, hanno aderito all’iniziativa Covering Climate Now. In particolare, il canale culturale e scientifico Rai Radio 3 considera prioritaria la copertura dei cambiamenti climatici. Rossella Panarese, curatrice e conduttrice del programma scientifico quotidiano Radio3 Scienza, ha dichiarato all’EJO: “Riteniamo importante affrontare sia la complessità dei dati e lo stato della conoscenza, sia gli aspetti sociali e culturali”. Anche se Rai Radio 3 si concentra principalmente sulla comunicazione delle ultime scoperte della ricerca scientifica, non si sottrae alla complessità del tema e neanche a consigli pratici. I suoi programmi spesso offrono suggerimenti su come le persone possono modificare il loro comportamento per il bene dell’ambiente, comprese informazioni sui processi di produzione e sull’impatto delle nostre abitudini di viaggio e turistiche.

Panarese ha riconosciuto che c’è stato un notevole “effetto Greta” – come risultato dell’impatto mondiale della giovane attivista svedese per il cambiamento climatico Greta Thunberg – e che l’impegno dei giovani nel movimento di protesta è stata una storia importante da raccontare per Radio3 Scienza. Ha anche notato che spesso ci si aspetta che le emittenti trattino i punti di vista divergenti come se fossero tutti ugualmente degni di attenzione. Il presupposto che i fatti scientifici possano essere discussi allo stesso modo dei partiti politici o delle squadre di calcio è sintomatico di “una perdita di fiducia nella scienza”, ha aggiunto.

L’EJO ha parlato con Paolo Virtuani, giornalista del Corriere della Sera, uno dei più antichi quotidiani nazionali italiani. Virtuani, che da oltre 20 anni si occupa di tematiche legate al clima per il giornale, ha detto all’EJO che il Corriere della Sera non ha una politica editoriale formale sui cambiamenti climatici, e che mira a “coprire eventi (di ogni tipo) non sulla base di idee preconcette ma sulla base dell’interesse della notizia”. Tuttavia, le storie legate al clima sono state spesso riportate in prima pagina, e Virtuani ha detto all’EJO che il movimento Fridays for Future ispirato da Greta Thunberg “ha certamente aumentato l’interesse per le questioni ambientali”. Ha aggiunto che c’è stata una risposta positiva da parte dell’opinione pubblica alla copertura del Corriere della Sera sui cambiamenti climatici: “I lettori sono molto interessati a questi temi e i nostri articoli che li trattano sono tra i più letti online”.

Il gruppo Facebook di VICE Italia dedicato alla crisi climatica

VICE in Italia dedica ampio spazio al tema del cambiamento climatico, in particolare sulla versione italiana della sezione Motherboard di scienza e tecnologia. Attualmente ospita anche una sezione dedicata ai “cambiamenti climatici”. Giulia Trincardi, editor di Motherboard in Italia, ha spiegato all’EJO come funziona la politica editoriale: “negli ultimi anni, la politica editoriale di VICE in materia di cambiamenti climatici ha riguardato soprattutto il riconoscimento degli studi scientifici pubblicati con risonanza internazionale, intervistando direttamente gli scienziati, quando possibile, e concentrandosi sui temi italiani legati ai cambiamenti climatici”.

Negli ultimi anni la copertura del cambiamento climatico da parte della versione italiana di VICE si è estesa a progetti come un video documentario sugli effetti del cambiamento climatico a Venezia e il lancio di un gruppo su Facebook in cui i lettori possono discutere di questioni climatiche con i giornalisti. Trincardi insiste sul fatto che VICE vede il cambiamento climatico “non solo come una questione ambientale, ma anche politica e sociale”. Come tutte le altre succorsali nel mondo, anche VICE Italia ha aderito all’iniziativa Covering Climate Now. In linea con questo impegno, produce contenuti speciali che vengono tradotti in altre lingue e riutilizzati da altri membri del gruppo di agenzie di stampa Vice.

Repubblica Ceca 🇨🇿
Per molti anni i media cechi si sono divisi a metà sul tema del cambiamento climatico. I media mainstream hanno ampiamente ignorato l’argomento, lasciando ai media indipendenti con una visione più progressista (i cui lettori erano principalmente giovani professionisti urbani) il compito di trattare l’argomento. Tuttavia, nel 2019 tutti i media cechi, indipendentemente dal tipo e dalla prospettiva politica, hanno trattato la crisi climatica come uno dei loro temi principali. Ciononostante, quando si è trattato di discutere la politica editoriale sul tema, i media mainstream e conservatori erano nel complesso riluttanti a impegnarsi, mentre i media con una prospettiva più di sinistra erano disposti a spiegare il loro approccio all’EJO.

I redattori dell’emittente pubblica Czech Television e del conservatore Hospodářské noviny hanno dato solo risposte brevi e alquanto evasive alla domanda dell’EJO sulla politica editoriale in merito alla copertura del cambiamento climatico. Anche se queste testate trattano la questione del cambiamento climatico e la prendono sul serio, non hanno una politica specifica in merito, affermando che le stesse linee guida editoriali su questioni come l’imparzialità, l’obiettività e l’interesse pubblico si applicano allo stesso modo a tutti gli argomenti. Il direttore della televisione ceca sembrava essere a malapena a conoscenza dell’iniziativa Covering Climate Now, e il direttore di Hospodářské noviny non ha risposto a questa domanda.

I redattori dei canali radiofonici cechi Radiožurnál (il principale canale di notizie) e Plus (dedicato all’analisi approfondita degli argomenti di attualità e ai programmi di discussione) non hanno risposto alle domande dell’EJO. Erik Tabery, redattore capo della rivista d’informazione di lunga data Respekt, era riluttante a divulgare qualsiasi informazione sulla politica editoriale del settimanale in materia di cambiamenti climatici. Sebbene Respekt sia stato uno dei primi media cechi a occuparsi di questioni ambientali (cosa che fa fin dagli anni Novanta), come altri media mainstream preferisce proiettare una posizione neutrale piuttosto che rischiare di essere considerato un mezzo di campagna elettorale.

I nuovi media alternativi, invece, sono lieti di discutere le loro politiche editoriali. Jakub Patočka, caporedattore del sito web di notizie di sinistra Deník Referendum, ha detto all’EJO che la politica dell’emittente sul cambiamento climatico è stata redatta al momento del suo lancio nel 2009. Il primo dei tre principi fondamentali alla base di questa politica è che “non si dà spazio al relativismo e certamente non alla negazione”. Mentre Deník Referendum è finora l’unico media ceco ad aver firmato per Covering Climate Now, un altro media di sinistra, A2larm, prende la questione altrettanto seriamente. A2larm ha trattato ampiamente l’argomento nell’ambito di una serie di articoli sotto il titolo Budoucnost je teď [Il futuro è adesso]. Il caporedattore Jan Bělíček ha detto all’EJO che anche A2larm ha deciso di usare il termine “crisi climatica” in modo coerente, preferendolo a quello di “cambiamento climatico”, che a suo avviso non è riuscito a trasmettere in modo sufficientemente forte la gravità della situazione. Sia Deník Referendum che A2larm ritengono di avere la missione di fornire un contrappeso ai potenti interessi che controllano gran parte dei media cechi e a quella che considerano l'”apatia” dei media tradizionali.

Germania 🇩🇪
Come molte altre emittenti pubbliche tedesche, ARD non ha una politica editoriale specifica per la copertura del cambiamento climatico. Tuttavia, dedica molto tempo alla questione e le linee guida che definiscono le priorità giornalistiche di ARD per il 2019/20 fanno notare che il programma scientifico di punta della rete “W wie Wissen” è sempre più incentrato sulle “sfide del mondo moderno come il cambiamento climatico”. Il caporedattore di ARD Rainald Becker ha detto all’EJO che l’emittente utilizza una varietà di formati giornalistici, tra cui programmi di notizie, documentari e riviste politiche, per coprire l’argomento. Becker ha detto che “poiché la copertura del cambiamento climatico fa parte dei compiti di servizio pubblico di ARD e ARD lo copre ampiamente”, non vede la necessità che la rete aderisca a un’iniziativa globale come Covering Climate Now. Ha detto che la sfida principale per i giornalisti era quella di affrontare l’argomento da più angolazioni possibili e di esplorare il modo in cui ha un impatto su molti altri settori, come la politica, la sociologia, l’etica, la scienza, la tecnologia e l’ecologia.

Un documentario di ARD dedicato all’impatto della crisi climatica in Germania

Der Spiegel, il settimanale di notizie a più alta diffusione in Germania e uno dei siti web di notizie in lingua tedesca più letti, non ha una politica editoriale specifica sulla copertura del cambiamento climatico. Tuttavia, Kurt Stukenberg, vice capo del dipartimento scientifico, ha detto all’EJO che la sua sezione della rivista usa sempre più spesso il termine “crisi climatica” invece di “cambiamento climatico”. Sebbene la copertura di Der Spiegel sia principalmente orientata agli eventi, Stukenberg insiste sul fatto che il science desk tiene costantemente sotto controllo l’argomento. Afferma che l’approccio non è quello di concentrarsi esclusivamente sui nuovi record di temperatura, ma di spiegare l’impatto di tali fenomeni su tutti i settori della vita. “La crisi climatica non è solo un argomento scientifico; da molto tempo ha influenzato la politica, la società e l’economia, naturalmente, così come la cultura e altri settori”, ha detto all’EJO. A settembre, quando Der Spiegel ha dato il suo sostegno all’iniziativa Covering Climate Now, organizzando una settimana di copertura climatica di alto profilo per alzare il sipario sul summit dell’ONU sull’azione per il clima a New York.

Anche la Süddeutsche Zeitung, uno dei maggiori quotidiani tedeschi, non ha una politica editoriale specifica per quanto riguarda la copertura dei cambiamenti climatici. Vivien Timmler, la redattrice che si occupa del tema della sostenibilità sul business desk, ha detto all’EJO che in questo caso valgono gli stessi criteri di qualità di qualsiasi altro argomento. Come nel caso di Der Spiegel, la copertura della Süddeutsche Zeitung sul tema dei cambiamenti climatici tende ad essere legata agli eventi. Tuttavia, durante l’estate del 2019, il giornale ha pubblicato due speciali sul tema, ciascuno composto da dieci a venti articoli.

“È una bella sfida attirare il maggior numero possibile di lettori e renderli ricettivi al tema del cambiamento climatico”, ha dichiarato Timmler all’EJO. “E’ un’azione di equilibrio per approfondire quello che può essere un argomento molto complesso, senza allontanare i lettori che non sono già ben informati”. Ha aggiunto che è anche una sfida per rendere i lettori consapevoli di alcune delle previsioni scientifiche meno ottimistiche, pur convincendoli che non è ancora troppo tardi per agire. “Questo ci porta nel regno del giornalismo costruttivo e richiede un approccio orientato alle soluzioni – evitando di moralizzare, ma adottando un tono al quale i lettori risponderanno”.

Polonia 🇵🇱
L’EJO ha chiesto all’emittente pubblica – sia il servizio televisivo Telewizja Polska (TVP) che la Polskie Radio – di commentare la sua politica di copertura del cambiamento climatico, ma non ha ricevuto alcuna risposta da nessuna delle due emittenti. Tuttavia, due media indipendenti, il quotidiano Gazeta Wyborcza (il più grande broadsheet del Paese) e il servizio di notizie e informazioni online Onet (uno dei principali portali “orizzontali” polacchi, con circa 12 milioni di utenti al mese), sono stati disposti a rispondere alle domande dell’EJO.

Il progetto “Oddychaj Polsko” [Breathe, Poland] di Onet

Michał Olszewski, il caporedattore della sezione “Gazeta na zielono” [Gazeta in verde] di Gazeta Wyborcza, ha detto all’EJO che il cambiamento climatico è stato uno degli argomenti più importanti mai trattati dal giornale, ed è per questo che è disposto a dedicare così tanto spazio al tema. Come il Guardian, con il quale negli ultimi anni ha collaborato a diverse altre joint venture giornalistiche, Gazeta Wyborcza non ha esitato a sottoscrivere l’iniziativa Covering Climate Now. Come il Guardian, ha anche modificato l’uso della terminologia in risposta all’urgenza della situazione, e ora usa il termine “crisi climatica” invece di “cambiamento climatico”. L’edizione online del giornale ha anche una sezione speciale chiamata “Wyborcza na zielono“, che è dedicata all’ambiente e guarda alla questione da una prospettiva locale, nazionale e globale. Olszewski ha detto all’EJO che, oltre a fare dell’ambiente una questione prioritaria, Gazeta Wyborcza stava anche sperimentando nuovi e coinvolgenti modi di raccontare la storia.

Il portale Onet prende sul serio la questione del cambiamento climatico, ma non ha adottato una posizione di campagna nella stessa misura di Gazeta Wyborcza. Piotr Kozanecki, il responsabile del servizio stampa di Onet, ha dichiarato che il sito ha tenuto conto delle aspettative dei suoi lettori e dell’attualità in Polonia e nel mondo per definire la sua politica di copertura. Tuttavia, Kozanecki ha anche detto che Onet a volte ha preso l’iniziativa cercando di persuadere i lettori dell’importanza dei fattori che influenzano il clima, anche se è chiaro che tali argomenti non sono sempre ben accolti. Onet non ha aderito al progetto CCN. Kozanecki ha detto che Onet si sforza di basare il suo reportage sui cambiamenti climatici esclusivamente su prove scientifiche, evitando di dare spazio a voci e narrazioni pseudo o para-scientifiche. A novembre, in collaborazione con la società di monitoraggio della qualità dell’aria Airly, Onet ha lanciato un progetto chiamato “Oddychaj Polsko” per sensibilizzare l’opinione pubblica sui gravi livelli di inquinamento atmosferico nel Paese.

Ucraina 🇺🇦
I media ucraini in generale non dedicano molto spazio al tema del cambiamento climatico. La copertura è quasi interamente guidata dagli eventi: la maggior parte dei media risponde a grandi eventi che attirano l’attenzione dei media, come il discorso di Greta Thunberg al summit sul clima dell’ONU di settembre, ma c’è una copertura poco consistente e approfondita delle questioni di fondo. L’EJO ucraina ha chiesto a tre media – l’emittente pubblica UA:PBC, il settimanale Ukrainskyi Tyzhden [Ukrainian Week] e il sito web di notizie Ukrainska Pravda Zhyttia [Ukrainian Truth Life] – di delineare la loro politica editoriale sul cambiamento climatico. L’emittente pubblica e Ukrainska Pravda Zhyttia hanno dichiarato di non avere una politica specifica su come affrontare la questione, ma il caporedattore di Ukrainskyi Tyzhden, Dmytro Krapyvenko, ha dato una risposta più ponderata, suggerendo che qualche riflessione è stata fatta su come affrontare l’argomento.

Mariya Frey, il produttore generale per la radiodiffusione regionale, ha risposto alle domande dell’EJO per conto dell’emittente pubblica. Ha confermato che non esiste una politica specifica relativa alla copertura del cambiamento climatico. Frey ha affermato che, sebbene i giornalisti di UA:PBC abbiano riportato l’argomento, la mancanza di competenze di qualità sulla questione in Ucraina è stata un ostacolo ad una copertura più approfondita. Il direttore del settimanale, Dmytro Krapyvenko, ha detto all’EJO che diversi numeri della sua rivista sono stati dedicati al cambiamento climatico e si sono concentrati sulla connessione con i problemi ambientali dell’Ucraina. Ha sottolineato che l’obiettivo principale di Ukrainskyi Tyzhden era “non essere un media mainstream che segue la moda, ma di risolvere il problema e scoprire diversi punti di vista su di esso. La nostra missione è quella di creare tendenze, non di seguirle”.

Krapyvenko ha detto che il settimanale ha preferito un approccio sobrio e obiettivo, e ha cercato di evitare di cadere nella trappola di ciò che ha descritto come “hype” e “dogmatico”. Ha detto che Ukrainskyi Tyzhden ha preso spunto dal quotidiano tedesco conservatore Die Welt, che secondo lui ha un approccio equilibrato ed è bravo a presentare la questione in un contesto più ampio. Krapyvenko ha osservato che Ukrainskyi Tyzhden pubblica spesso traduzioni ucraine di articoli apparsi originariamente su Die Welt, e che il tono sobrio di questi articoli si adattava bene alla sua pubblicazione. A suo avviso, le testate giornalistiche dovrebbero cercare di evitare i due estremi gemelli dell’allarmismo e del negazionismo e affrontare invece l’argomento “con cautela, evitando pericolose semplificazioni e generalizzazioni”.

La giornalista Iryna Andreytsiv ha risposto alle domande dell’EJO per conto del sito web di notizie Ukrainska Pravda Zhyttia. Andreytsiv ha detto che il sito si basa molto sulla traduzione di articoli provenienti da media stranieri nella sua copertura del tema, e solo raramente commissiona contenuti originali sul tema del cambiamento climatico. Ha spiegato che la ragione principale di ciò è stata la mancanza di risorse, ma che anche la mancanza di giornalisti con un’adeguata conoscenza dell’argomento e l’indifferenza del pubblico ucraino sono stati fattori determinanti. Andreytsiv ha detto che pochi giornalisti ucraini avevano le competenze tecniche per comprendere l’argomento in prima persona, e molti hanno lottato per renderlo accessibile a un pubblico più ampio. Ha aggiunto che convincere i lettori che faticano ad arrivare a fine mese ad interessarsi all’argomento è stata una sfida. “Quando qualcuno non ha abbastanza soldi per comprare cibo, è difficile convincerlo che il cambiamento climatico è importante. Bisogna essere in grado di chiarire loro il legame tra il cambiamento climatico e i nostri bisogni umani fondamentali”.

Regno Unito 🇬🇧
Nell’ultimo anno la BBC ha compiuto notevoli sforzi per dare il giusto risalto al tema del cambiamento climatico, per affrontare l’argomento da numerosi punti di vista in modo innovativo e per fornire al suo pubblico utili consigli su come le scelte di stile di vita possano fare la differenza. In precedenza, l’azienda ha occasionalmente permesso ai negazionisti del cambiamento climatico di avere una piattaforma on-air senza mettere in discussione le loro opinioni in modo sufficientemente forte o inquadrare le loro osservazioni in modo tale che il pubblico non avesse dubbi sul fatto che l’intervistato esprimesse un’opinione personale che andava contro il consenso scientifico.

A seguito di un rimprovero da parte dell’autorità di regolamentazione dei media Ofcom in uno di questi casi, nell’autunno del 2018 il direttore di news e attualità della BBC ha emanato una direttiva di politica editoriale a tutto lo staff che riaffermava la posizione della BBC sull’imparzialità e metteva in guardia dal pericolo di permettere un “falso equilibrio” sul cambiamento climatico. La BBC non ha risposto alla richiesta di EJO di commentare se il chiarimento delle sue linee guida sull’imparzialità abbia segnato un cambiamento nel suo approccio alla copertura del cambiamento climatico. Tuttavia, il 2019 ha visto una copertura seria e approfondita della questione sia in televisione che sul sito web della BBC, e una maggiore riluttanza a dare una piattaforma ai contrari al cambiamento climatico. Un programma di riferimento è stato il documentario “Climate Change: The Facts“, condotto dal rispettato presentatore David Attenborough, che ha sottolineato l’urgenza della situazione. E nel gennaio 2020, la BBC ha annunciato i piani per una serie speciale di un anno di copertura del cambiamento climatico dal titolo “Our Planet Matters“.

Il quotidiano di centro-sinistra Guardian, ha da tempo assunto una posizione esplicita nella sua copertura del cambiamento climatico. Secondo l’editor del Guardian che segue i temi ambientali, Damian Carrington (come citato da James Painter in “Poles Apart: The international reporting of climate scepticism“), un vero e proprio “step change” nella sua copertura sul cambiamento climatico ha avuto luogo già nel 2008, quando il team ambientale è stato ampliato e il Guardian ha espresso per la prima volta la sua filosofia di non limitare le sue storie sul cambiamento climatico a una speciale sezione “ghetto”, ma di evidenziare costantemente il quadro generale sottolineando i legami con l’acqua, l’energia, il cibo, la popolazione e altre questioni. Dopo il lancio dell’iniziativa Covering Climate Now, il giornale ha annunciato di aver aggiornato la sue linee guida e ora raccomanda ai giornalisti e ai redattori di utilizzare “termini che descrivono più accuratamente le crisi ambientali che il mondo si trova ad affrontare”. “Emergenza climatica, crisi o rottura” dovrebbe d’ora in poi essere preferita a “cambiamento climatico”, come nelle parole del caporedattore Katharine Viner, “L’espressione ‘cambiamento climatico’… suona piuttosto passiva e gentile quando ciò di cui parlano gli scienziati è una catastrofe per l’umanità”.

Il Guardian ha successivamente annunciato che c’era stato anche un cambiamento di pensiero sul tipo di immagini che erano appropriate per illustrare la storia del clima. La visual editor Fiona Shields ha spiegato che, dopo aver chiesto consiglio all’organizzazione di ricerca Climate Visuals, il giornale ha concluso che le immagini delle persone colpite dalle conseguenze del cambiamento climatico avrebbero comunicato più direttamente l’impatto dell’emergenza climatica rispetto alle immagini degli orsi polari sulle lastre di ghiaccio che si sciolgono.

Essendo VICE UK una società nata dal digitale e rivolta principalmente ai più giovani, è tipico di tali piattaforme avere una forte attenzione per l’ambiente. La sua casa madre, la Vice Media Group, definisce il ruolo di tutti i news outlet VICE come “la guida definitiva verso un mondo incerto“, e nel settembre 2019 Katie Drummond, Senior Vice President di Vice Digital, ha dichiarato che la copertura delle tematiche ambientali è il fulcro della missione di questo settore. VICE Media nel suo complesso ha aderito alla CCN, e Vice UK, come la sua controparte italiana, ha fatto la sua parte nel rendere la copertura della crisi climatica una priorità. Uno dei suoi temi chiave è “Save Yourselves”, sotto la cui voce porta regolarmente articoli di campagna che ricordano ai suoi lettori quali azioni possono e devono intraprendere per mitigare la minaccia per il pianeta.

Il vice caporedattore britannico Jamie Clifton ha detto all’EJO che diventare partner dell’iniziativa CCN è stata una mossa molto naturale. “L’ambiente è un argomento a cui tutti noi, come team editoriale, teniamo molto, ed è qualcosa che avevamo deciso consapevolmente di trattare di più… era comunque già una priorità editoriale”. Come tutti i media di VICE, VICE UK pone grande enfasi sulle modalità di comunicazione visiva (sia foto che video), si affida fortemente ai canali dei social media per raggiungere i suoi lettori e cerca costantemente di coinvolgere il suo pubblico nel dibattito. A volte VICEUK attinge a contenuti originati da altri uffici Vice, ad esempio “Which of Your Favourite Apps and Websites Are the Worst for the Environment“, pubblicato per la prima volta da Motherboard Italia.

***

Il progetto
I media europei prendono abbastanza sul serio il cambiamento climatico? È una ricerca giornalistica collaborativa in corso dell’European Journalism Observatory.

Metodologia
L’analisi è stata condotta presso sei università e istituti di ricerca in tutta Europa. I contributori hanno esaminato tre diversi tipi di media nei rispettivi paesi (nella maggior parte dei casi, l’emittente pubblica, un centro di stampa tradizionale e un centro online). Nei casi in cui la politica editoriale dell’emittente in materia di cambiamento climatico non è stata chiaramente definita nell’ambito della sua missione, i collaboratori hanno chiesto alla redazione senior di delineare la loro politica in materia. A questi editori è stato anche chiesto di identificare quelle che secondo loro sono le principali sfide affrontate dai giornalisti che si occupano di cambiamenti climatici.

Rete EJO

Scritto da
Paula Kennedy, Editor dell’EJO in lingua inglese, gestito dal Reuters Institute for the Study of Journalism, Università di Oxford

Collaboratori

Miloš Hroch e Sandra Štefaniková, Charles University, Praga, EJO Repubblica Ceca

Tina Bettels-Schwabbauer, Erich-Brost-Institut TU Dortmund, EJO Germania

Antonio Nucci e Philip Di Salvo, Università della Svizzera italiana, Lugano, EJO Italia

Adam Szynol e Michal Kuś, Università di Wrocław, EJO Polonia

Halyna Budivska, Università Nazionale di “Kyiv-Mohyla Academy”, Kiev, EJO Ucraina

Si ringraziano Richard Black, Scott Brennen, James Painter, Mike Schäfer e Meera Selva per i loro suggerimenti e consigli.

Traduzione dall’originale inglese di Simone Broggini, revisione editoriale della versione italiana a cura di Antonio Nucci

Report disponibile anche in altre lingue:

Inglese: Do European media take climate change seriously enough?
Tedesco: Nehmen europäische Medien den Klimawandel ernst genug?

 

Print Friendly, PDF & Email

Tags:, , , , ,

Condividi con un amico