COVID-19 e giornalismo: Albania

15 Maggio 2020 • Brevi, Giornalismi • by

Il Coronavirus SARS-Cov-2 / Pixabay / public domain

Questo articolo è parte di una serie dell’EJO dedicata alla copertura giornalistica del Coronavirus COVID-19 nel mondo. La lista completa degli articoli è disponibile qui e in inglese.

Il primo caso di COVID-19 in Albania è stato confermato l’8 marzo 2020. Ma ancor prima, in un momento in cui l’epidemia di Coronavirus sembrava essere ancora confinata in Cina, i media albanesi avevano seguito il caso di alcuni studenti albanesi residenti in Cina che stavano cercando di tornare a casa. Quando la malattia ha iniziato a colpire duramente la vicina Italia, dove vivono circa 400mila albanesi, i media hanno iniziato invece a sollevare preoccupazioni sulla possibilità che fosse stato effettivamente possibile impedire al virus di raggiungere il nostro paese.

Copertura totale
Dal momento in cui è stato scoperto il “paziente zero” dell’Albania, il governo ha istituito uno dei più severi regimi di lockdown in Europa, spinto dalla stretta vicinanza del paese all’Italia – allora epicentro europeo della pandemia – e dal cattivo stato delle infrastrutture sanitarie. Il governo ha imposto quindi severe misure di quarantena in tutto il paese, aumentandole gradualmente e ulteriormente nelle settimane successive. Scuole, bar e ristoranti sono stati chiusi, lasciando aperti solo supermercati e farmacie. Il trasporto pubblico è stato sospeso e le persone hanno dovuto richiedere un’autorizzazione speciale per utilizzare le proprie auto. Il 15 marzo, l’Albania ha dichiarato chiuse tutte le sue frontiere terrestri fino a nuovo avviso. La polizia e l’esercito hanno pattugliato le strade, monitorando il rispetto delle nuove regole.

Il 25 marzo, il governo ha dichiarato lo stato di emergenza, descrivendo la diffusione del COVID-19 come una “calamità naturale”. Il 16 aprile, il parlamento ha poi approvato nuove misure severe che sono state descritte dai critici del governo come sproporzionate e incostituzionali. Questi includono modifiche al codice penale per consentire l’imposizione di un periodo di detenzione fino a otto anni per i portatori di malattie infettive che non rispettano le norme di quarantena o di isolamento e infettano altri. Il primo ministro Edi Rama ha difeso le nuove sanzioni, dicendo che erano un prerequisito necessario per il rilassamento del blocco.

Dopo l’arrivo della pandemia nel paese, l’agenda delle notizie è stata totalmente dominata dalla copertura del Coronavirus. 24 ore su 24, 7 giorni su 7, i media si sono concentrati sulla pandemia, con aggiornamenti periodici e lanci delle ultime notizie provenienti dal Ministero della Salute, dall’ospedale di isolamento in cui vengono curati i pazienti, o dal partito di opposizione. Persino eventi importanti come l’annuncio (del 24 marzo) dell’apertura delle discussioni per l’adesione all’UE e la caduta del governo in Kosovo (la cui popolazione è principalmente di etnia albanese) il giorno seguente sono state completamente messe in ombra.

I talk show televisivi in ​​prima serata, che sono tra i programmi più visti in Albania, si sono concentrati interamente sulla crisi del Coronavirus. Professionisti medici appaiono regolarmente come ospiti di questi programmi, così come i membri dell’enorme diaspora albanese, in particolare quelli che vivono in paesi molto colpiti come Italia, Spagna, Regno Unito, Germania e Stati Uniti. La forte attenzione ai tassi di mortalità in questi paesi, in particolare in Italia e in Spagna, lascia poco tempo di trasmissione a storie basate su possibili soluzioni, sebbene alcune iniziative degli albanesi a sostegno dei loro concittadini abbiano ricevuto una certa attenzione.

Richieste per un pacchetto di salvataggio per i media
Il governo ha vietato la presenza di membri del pubblico sui set di programmi TV, mentre i talk show possono avere un solo ospite. Alcuni programmi di intrattenimento sono stati sospesi fino a nuovo avviso, sollevando preoccupazioni per la sicurezza del lavoro dei dipendenti. L’Unione dei giornalisti albanesi ha chiesto che il settore dei media sia incluso in un pacchetto di aiuti finanziari per le imprese, ma finora il governo ha rifiutato di accettarlo.

Ostilità verso i media
Le relazioni tra il governo albanese e i media continuano a essere tese a causa delle controverse leggi anti-diffamazione approvate dal parlamento albanese nel dicembre 2019, e considerate una minaccia alla libertà dei media. Un indizio di questa problematica relazione è emerso in un messaggio vocale inviato dal primo ministro il 12 marzo a milioni di utenti di telefonia mobile, in cui ha avvertito il pubblico di rimanere a casa, lavarsi le mani e proteggersi dai media. Una versione successiva di questo messaggio ha semplicemente consigliato agli albanesi di fare attenzione alle notizie false.

Messaggi di pubblica sanità
L’emittente pubblica, RTSH, ha abbracciato il suo ruolo di servizio pubblico lanciando un nuovo canale, RTSH School, dedicato a fornire contenuti educativi per gli studenti delle scuole superiori che ora devono proseguire i loro studi a casa. Diversi altri canali televisivi hanno unito le forze con l’Istituto di sanità pubblica per produrre messaggi di sensibilizzazione sulla salute che consigliano alle persone come proteggersi dal virus. I giornalisti sono stati in grado di riferire sulle accuse dell’opposizione di abusi nell’assegnazione di appalti pubblici e hanno anche cercato di evidenziare l’impatto della crisi su comunità emarginate e vulnerabili come gli anziani e la comunità rom.

Per quanto i commentatori dei media nel complesso approvino l’imposizione di un rigoroso blocco, alcuni hanno criticato la simpatia di Edi Rama per le metafore rigide (usa spesso parole come “guerra”, “morte”, “disertore” e “bare”), dicendo che sarebbe preferibile una maggiore attenzione per l’economia e un tono più ottimista. Rama è stato anche criticato per aver monopolizzato le comunicazioni pubbliche con le sue apparizioni sul suo canale TV ERTV e le sue dichiarazioni quotidiane trasmesse in diretta. Un sondaggio condotto dal watchdog dei media Citizens Channel ha rivelato come dal 9 marzo al 31 marzo, Rama fosse stato sullo schermo per un totale di 1423 minuti, o 24 ore.
Occasione persa?
Sebbene l’attuale crisi avrebbe dovuto offrire ai media un’occasione d’oro per aumentare la consapevolezza del problema della disinformazione e per promuovere l’alfabetizzazione mediatica, la maggior parte dei media sono stati riluttanti ad affrontare il problema. Tuttavia, organizzazioni di fact-checking come Faktoje hanno esposto assiduamente storie false, mentre Euronews Albania ha un segmento giornaliero dedicato alla verifica delle notizie.

Un altro problema sollevato dalla pandemia di Coronavirus in Albania riguarda l’importanza di formare i giornalisti sulla copertura delle catastrofi naturali, per dare loro una migliore comprensione dell’etica della copertura di notizie simili e per renderli consapevoli dell’importanza del rispetto dei dati personali.

Le opinioni espresse su questo sito web sono quelle dei soli autori e non riflettono o rappresentano necessariamente le opinioni, le politiche o le posizioni di tutto l’EJO.

Print Friendly, PDF & Email

Tags:, , ,

Condividi con un amico