Si può misurare l’efficacia della propaganda politica?

10 Giugno 2020 • Media e Politica, Più recenti • by

Detail from “IS-Propaganda” (Twitter trending topics 2019) by Marco Verch. Licensed under CC BY 2.0 | Source: Flickr

Negli ultimi decenni, la propaganda politica ha potuto aggiungere un numero impressionante di nuove armi al suo arsenale. I social network sono stati inondati di disinformazione utilizzata come strumento di manipolazione politica e vari organismi istituiti per monitorare l’affidabilità delle informazioni messe di fronte ai cittadini sono state eluse.

In alcune parti d’Europa, i governi hanno acquisito abbastanza potere da poter rovesciare i diritti fondamentali. La revisione coordinata della regolamentazione dei media e del loro mercato ha permesso di mettere al servizio della propaganda politica ampi segmenti dell’informazione. Sebbene la libertà di parola e una stampa libera possano in teoria ancora esistere in alcuni paesi, ciò non significa necessariamente che l’elettorato sia ben o sufficientemente informato.

Tre organizzazioni di ricerca ungheresi indipendenti hanno recentemente unito le forze per escogitare un modo per misurare come e quanto le informazioni rese disponibili al pubblico siano distorte per scopi politici e la misura in cui questi abusi  raggiungano il loro scopo. Il Political Propaganda Indicator (PPI) è stato modellato sul “Democracy Index” creato da Freedom House e sul Corruption Perception Index (CPI) redatto invece da Transparency International. Il PPI misura la percentuale di una popolazione che si forma un’opinione basandola su nozioni che si sono dimostrate false o che possono essere facilmente confutate, e quindi dimostra chiaramente il successo delle tecniche di propaganda.

Caos informativo
C’è inevitabilmente una discrepanza tra la quantità di informazione disponibile in una società e la misura in cui tali informazioni vengono assorbite dalla società nel suo insieme. Sebbene possano essere disponibili diverse fonti di informazione, inclusi media indipendenti e mass media con un ampio pubblico, questo conta poco se le informazioni prodotte raggiungono solo un ristretto settore della società. Se consideriamo la misura in cui le persone devono informarsi su questioni importanti quando decidono come votare alle elezioni, questa scarsità di informazioni è ancora più inquietante.

Oggi più persone che mai consumano regolarmente notizie online, ma a essere aumentato non è la quantità di informazioni disponibili ma il caos informativo. La diffusione di notizie false tramite piattaforme online è una nuova arma nell’arsenale della propaganda politica. È facile diffondere disinformazione per mezzo di bot e share guidati dalla paura, e in questa era dei media le menzogne ​​viaggiano molto più rapidamente della verità.

Uno strumento per combattere il lavaggio del cervello
Sebbene ora sia facile aggirare i sistemi di check and balance istituiti per impedire la messa in circolazione di informazioni false, a lungo termine possiamo solo sperare che i meccanismi di autodifesa della società entrino in azione e che le persone vorranno basare le loro opinioni su fatti verificati e non prendere decisioni basate su bugie, teorie del complotto e false ideologie. Il Political Propaganda Indicator (PPI) potrebbe svolgere un ruolo vitale in questo caso in Ungheria, informando sulla misura in cui la popolazione sia adeguatamente informata o meno nel corso del tempo.

Il PPI può dettagliare l’efficacia o meno di uno schema nazionale di propaganda e può dare un’idea della misura in cui i meccanismi correttivi sono riusciti a contrastarlo. Nel 2019, i nuovi membri eletti della Commissione europea hanno dichiarato che c’era ancora molta strada da fare nella battaglia contro la disinformazione. “La propaganda automatizzata su larga scala e la disinformazione persistono e c’è ancora molto lavoro da fare […] Non possiamo accettarlo come una nuova normalità”, hanno dichiarato la Commissaria per la giustizia, i consumatori e l’uguaglianza di genere Věra Jourová, il Commissario per l’Unione della sicurezza Julian King e la Commissaria per l’economia e la società digitale Mariya Gabriel in una dichiarazione congiunta rilasciata il 29 ottobre 2019.

Contrariamente ai fatti
Definire il metodo di misurazione del PPI, formulare una serie di dichiarazioni da utilizzare nel progetto pilota e valutare i risultati è stato uno sforzo di squadra. Il progetto è stato avviato dalla Dimenzió Média Foundation (Ferenc Vicsek). La società di ricerca di sondaggi di mercato e sociali Závecz Research (Tibor Závecz, Klara Megyeri) ha assunto la guida sul fronte della metodologia. Infine, Merték Média Monitor (Gábor Polyák) ha svolto un ruolo importante nella valutazione dei risultati.

Durante l’estate del 2019, Závecz Research ha condotto un sondaggio telefonico rappresentativo utilizzando un campione di 500 intervistati. Lo scopo era quello di scoprire fino a che punto gli ungheresi erano arrivati ​​ad accettare certe notizie che consistevano chiaramente di propaganda politica, anche quando fonti attendibili avevano già dimostrato come fossero false – in altre parole, nonostante il fatto che queste notizie fossero manifestamente contrarie ai fatti e venissero utilizzate nell’ambito di una campagna di propaganda politica. Abbiamo esaminato la probabilità che i nostri intervistati avessero incontrato contenuti provenienti da specifiche campagne di propaganda e la probabilità che essi credessero a tali affermazioni. Non abbiamo esaminato la veridicità delle affermazioni di per sé.

Alfabetizzazione mediatica
Abbiamo anche cercato di valutare il livello di alfabetizzazione mediatica dell’elettorato ungherese, indagando fino a che punto gli elettori che ricevono le loro notizie dal piuttosto singolare sistema dei media ungherese siano consapevoli di quanto sia importante fidarsi solo di notizie che sono state riportate da diverse fonti di notizie importanti e credibili. Ci siamo sforzati di garantire che dichiarazioni provenienti da tutto lo spettro politico fossero inclusi tra le questioni evidenziate nel nostro sondaggio.
Eravamo consapevoli dei limiti del progetto pilota, dovuti principalmente al fatto che i fondi limitati a nostra disposizione ci hanno permesso di indagare sulla percezione pubblica di soli 15 pezzi di informazione. Tuttavia, riteniamo che con adeguati adattamenti per le condizioni locali, questo metodo potrebbe essere utilizzato per misurare l’influenza della propaganda politica populista e la distorsione dei fatti reali praticamente in qualsiasi paese che afferma di essere democratico.
Una descrizione dettagliata del background del Political Propaganda Indicator e un resoconto di come è stato condotto il progetto pilota sono disponibili qui.
Print Friendly, PDF & Email

Tags:, , , ,

Condividi con un amico