COVID-19 e giornalismo: Germania

20 Aprile 2020 • Brevi, Giornalismi • by

Il Coronavirus SARS-Cov-2 / Pixabay / public domain

Questo articolo è parte di una serie dell’EJO dedicata alla copertura giornalistica del Coronavirus COVID-19 nel mondo. La lista completa degli articoli è disponibile qui e in inglese.

Uno dei risultati dell’arrivo della pandemia di Coronavirus in Germania è che i notiziari televisivi delle emittenti pubbliche hanno attirato un numero record di telespettatori: quasi nove milioni di persone hanno guardato la trasmissione in prima serata del discorso della Cancelliera Angela Merkel alla nazione il 18 marzo sulle reti di servizio pubblico ARD e ZDF. L’associazione dei giornalisti tedeschi (Deutscher Journalisten-Verband, DJV) ha osservato che in un momento di crisi, i cittadini amano riunirsi intorno ai bollettini del programma di punta dell’ARD “Tagesschau”, che svolge il ruolo di “fuoco da campo mediatico”. Secondo un commento su Netzpolitik, una testata dedicata ai diritti digitali e alla cultura digitale, le attuali cifre di ascolto dei record per le emittenti di servizio pubblico mostrano quanto siano affidabili come fonte di informazione, cosa che dovrebbe essere presa in considerazione in ogni discussione sul loro ruolo futuro.

Il Coronavirus ora domina completamente l’agenda delle notizie in Germania. In un’intervista rilasciata il 19 marzo all’emittente radiofonica pubblica Deutschlandfunk, l’esperto di etica dei media Christian Schicha ha affermato che, data la gravità della situazione e la necessità di informare il pubblico in modo esauriente, una copertura così ampia è opportuna. Kathrin Wesolowski, una giornalista che lavora come freelance per defacto, un programma investigativo della rivista dell’emittente pubblica regionale Hessischer Rundfunk, ha detto all’EJO che “tutto è cambiato da un giorno all’altro in risposta alla crisi”. Ha aggiunto inoltre che, poiché il Coronavirus era ormai praticamente l’unico argomento trattato, defacto e altri programmi regolari sono stati temporaneamente sospesi e i loro giornalisti sono stati riassegnati ai telegiornali quotidiani.

Il programma della rivista mediatica Deutschlandfunk @mediasres ha invitato gli ascoltatori a esprimere il loro punto di vista su come la radio nazionale dovrebbe rispondere alla crisi. Alcuni ascoltatori hanno espresso la loro approvazione per la copertura fino ad ora, mentre altri hanno detto che vorrebbero vedere una più ampia gamma di argomenti trattati. Wesolowski ha sottolineato l’importanza di continuare a sottoporre le azioni del governo a un esame critico. “I discorsi della Cancelliera hanno ricevuto molti elogi, ma quasi nessuno si è chiesto perché non siano state prese misure di distanziamento sociale prima e perché non siano stati fatti altri test”, ha detto all’EJO.

Giornalismo locale costruttivo
I giornalisti che lavorano per i media locali tendono a essere più attenti alle storie individuali rispetto ai loro colleghi delle grandi case editrici. Nelle comunità più piccole, questa attenzione per il locale e per l’individuo può contribuire a creare un rapporto di fiducia tra i giornalisti e il loro pubblico. Può anche essere usata per promuovere un senso di solidarietà all’interno della comunità.

Per esempio, Der Insel-Bote,  giornale che riferisce sulle isole del Mare del Nord Föhr e Amrum (parte del distretto più settentrionale della Germania del Nordfriesland nello stato dello Schleswig-Holstein), ha pubblicato articoli che sottolineano la solidarietà tra gli isolani mentre si preparavano all’arrivo del virus.

Tra tutte le notizie sugli eventi cancellati, le notizie sugli incontri di crisi e i necrologi, alcuni articoli della stampa locale riescono ancora ad adottare un tono positivo. Il 23 marzo il Westfalen-Blatt (con sede in Nordreno-Vestfalia) ha pubblicato due articoli, uno intitolato “Il villaggio dei giovani sfida la crisi della corona” e l’altro “La vita cresce anche durante la crisi”. Questi articoli sono in netto contrasto con il tema prevalente delle malattie e delle cancellazioni.

“Non possiamo fare nulla per gli eventi cancellati. Per questo motivo abbiamo in programma di pubblicare due o tre storie incoraggianti a settimana”, ha detto alla EJO Marius Thöne, giornalista del Westfalen-Blatt. L’obiettivo è quello di raccontare in modo costruttivo. Entro il 2 aprile, 78 casi di Covid-19 sono stati confermati a Höxter (il quartiere più scarsamente popolato della Renania Settentrionale-Westfalia), dove secondo le ultime statistiche demografiche (2016), oltre il 20% della popolazione ha più di 65 anni.

Il giornale stesso affronta un futuro incerto. “Probabilmente supereremo le prossime due settimane, ma poi dovremo fare un bilancio”, dice Thöne. Le notizie locali dipendono dall’esistenza di un’economia locale fiorente, e con l’economia ormai chiusa, il Westfalen-Blatt potrebbe lottare per sopravvivere a Höxter. Thöne aggiunge che è già una sfida produrre un’edizione locale a tutto tondo, perché, a parte il tema della pandemia, ormai non ci sono quasi più storie locali da raccontare.

Nuove pratiche di networking
Le redazioni di tutto il Paese hanno dovuto ripensare le loro normali pratiche di lavoro. Jochen Wegner, caporedattore del sito web di notizie Zeit Online, ha descritto come il passaggio al lavoro a domicilio di circa 200 giornalisti sia avvenuto senza problemi. Ha affermato che il problema principale derivante dalla necessità di evitare il contatto personale diretto era che questo rendeva la cronaca esterna una sfida enorme, e che i giornalisti dovevano continuamente chiedersi se tale “lavoro sul campo” fosse assolutamente necessario.

Giornalisti come lavoratori chiave?
L’Associazione dei giornalisti tedeschi ha chiesto che ai giornalisti venga conferito lo status di “lavoratore chiave”, che darebbe loro il diritto di muoversi liberamente anche in caso di coprifuoco. Ciò significherebbe anche che avrebbero diritto a un’assistenza dedicata alla cura dei bambini per poter continuare a lavorare. Alcuni Stati tedeschi hanno soddisfatto queste richieste, ma in alcune aree le richieste di aiuto dei giornalisti per i costi di assistenza per la cura dei bambini vengono ancora respinte.

“A mio parere, i giornalisti dovrebbero essere classificati come lavoratori chiave, dato che la maggior parte delle persone riceve le loro informazioni dai media”, ha detto Kathrin Wesolowski all’EJO. Ha aggiunto che questo dovrebbe valere sia per i giornalisti che lavorano per i media pubblici sia per quelli privati, poiché “è molto importante preservare questa diversità”.

L’Associazione dei giornalisti ha anche chiesto al governo federale di aiutare i giornalisti freelance, molti dei quali, come tutti i lavoratori autonomi, si sono rapidamente trovati in una situazione estremamente precaria. Il 23 marzo il governo federale ha approvato un programma di salvataggio per mitigare gli effetti economici della crisi. Questo includeva l’assistenza finanziaria per i liberi professionisti.

Le opinioni espresse in questo articolo sono quelle degli autori e degli intervistati e non rispecchiano necessariamente quelle di tutto l’EJO

Print Friendly, PDF & Email

Tags:, ,

Condividi con un amico